*L* artist* selezionat* hanno biografie eterogenee e affrontano i temi dell’identità/natura con processi diversi: chi viene dal reportage, chi dalla comunicazione digitale o dalla performance. Tutt* riescono però a valicare il mezzo fotografico (per sua natura vicino alla realtà visibile) eccedendo a volte nell’onirico e nel trascendente, ribadendo lo sforzo d’immaginazione collettivo necessario a ogni momento di passaggio.

"/>
 

Honey Long & Prue Stent

 

Meraviglioso reale

Via Antinori, 67100 L'Aquila AQ - 21/10/2021

 
  • Foto Installazione
 
 
il duo australiano, Prue Stent e Honey Long, lavorando attraverso la fotografia, la scultura e la performance crea immagini evocative sullo stereotipo femminile
 

Il lavoro di Honey Long e Prue Stent è una fusione di discipline fotografiche e scultoree. Fondato nella sperimentazione tra corpi, materiali e ambienti, c'è un desiderio pervasivo di giocare e intrecciare queste sfere, cercando un maggiore senso di connessione con esse. 

Apparentemente improvvisate, in ambienti tetri come autostrade e deserti, le loro immagini spesso raffigurano corpi altrimenti nudi coperti da fasce di tessuto colorato o foglie. Le loro opere attingono a temi surrealisti come il corpo senza testa, sfidando radicate associazioni tra femminilità e passività

Prue si occupa di fotografia, mentre Honey arriva dal mondo della scultura. Insieme hanno iniziato a lavorare per una serie di
autoritratti a due, in cui i loro corpi interagiscono con il contesto naturale che li circonda, de-umanizzandosi. Spesso i corpi delle due artiste
sono coperti da materiali, che ne nascondono l’identità ma enfatizzano le forme, liberandole. Ne risulta una composizione che calca la
dimensione immateriale e onirica della realtà, in cui corpo e natura si fondono nell’astrazione. I corpi non sono subiti, ma plasmati e
manipolati oltre la loro forma anatomica; strumenti per realizzare campiture nella natura.

Honey e Prue lavorano insieme dal 2010 e attualmente hanno sede a Melbourne. Mostre personali hanno avuto luogo presso la Arc One Gallery, Melbourne (2018), PhotoEspana, Madrid (2018) e Nicola Von Senger, Zurigo (2018). Tra le mostre collettive di rilievo in cui sono stati figurano Eyes on Australia , Pingyao International Photography Festival, China (2019), In Her Words , Horsham Regional Gallery, Melbourne (2019) Future Feminine , Fahey/ Klein Gallery, Los Angeles (2018), London Photo , The Female Lens: 9 Contemporary Photographs , Huxley Parlor Gallery (2018), The Josephine Ulrick and Win Schubert Photography Award Finalist Exhibition , Gold Coast (2018), REVERIE REVELRY: Fashion Through Photography, Ballarat Foto Biennale, Melbourne (2017) e Trash Cans For Hearts and People Have No Soul , Fotofestwal Lodz, Polonia (2017)

 

 

Attualmente sono rappresentati da ARC ONE Gallery, Melbourne

Per tutte le richieste di acquisto si prega di contattare mail@arc1gallery.com

Questa installazione è ospitata da



Twitter Facebook Google+ LinkedIn buffer StumbleUpon Digg flattr Pinterest tumblr Reddit Email

BACK